Archivi del mese: maggio 2020

Meglio ascoltare con calma… piuttosto che leggere con attenzione!

                                                            DIO IN CARRIERA…

            (ovvero quando e perchè la carriera di Dio diventa strategia educativa dell’umanità)

 

   Proprio così, anche Dio ha fatto carriera, almeno ragionando con categorie e schemi umani e pertanto antropomorficamente proiettive e al netto del grosso  limite del linguaggio umano.

   Tutto ebbe inizio quando, paradossalmente parlando, non esisteva ancora un inizio…; tutto ebbe inizio quando L’Eterno (cioè il “nunc”…l’essere, il presente e basta) ebbe la fantasia di creare il Tempo (cioè il “nunc fluens” … il presente che fluisce, il divenire).

   Da qui l’essere cominciò a diluirsi, a snodarsi in un divenire fatto di secondi, minuti, ore, giorni, mesi, anni, decenni, secoli, millenni tutti già ordinatamente presenti e messi in fila, uno rigorosamente dietro l’altro, in quel nucleo originario (In principio era il Verbo…).

   E da qui ebbe inizio anche la carriera di Dio alle prese con il problema dell’educazione “religiosa” dell’umanità. Ai primi uomini (anche Lui era alle prime armi…) si presentò (rivelò) semplicemente come Creatore consegnando alla coppia fresca di creato i fondamentali per una vita decente e saggia.

   Il Creatore si limitò a dare ad Adamo ed Eva due semplicissime ed elementari regole di vita: operare e fare il bene ed evitare assolutamente di fare e commettere il male.

   Il Creatore non dette molte indicazioni applicative per queste due semplici regolette, perché ebbe estrema fiducia nella intelligenza della sua creatura.  E sappiamo come è andata a finire. E’ andata a finire che, cedendo alla subdola insinuazione dello specialista del male, la creatura credette che si potesse fare anche il male… a condizione di farlo bene, magari senza dare troppo nell’ occhio al Creatore.

  “ Originale” come idea! Così ebbe inizio… l’inizio della fine che continuerà disastrosamente fino alla fine dei secoli.

   Ad un certo punto il Creatore si dovette rendere conto che due regole erano poche, troppo poche e fu allora che decise di salire al secondo livello di carriera presentandosi alla sua creatura non solo come Dio Creatore, ma anche  come Dio Legislatore.

   Le due regolette vennero così spalmate e precisate nei dieci regole essenziali, i comandamenti appunto. Siamo all’ epoca di Mosè. Ma sembrò non bastare ancora…  

   La carriera dell’Eterno che iniziò con il rivelarsi come Creatore e poi come Dio,  finì con l’ arrivare al suo livello più alto. Dal cuore dell’Eterno venne enucleandosi la rivelazione estrema dell’essenza del suo essere Creatore e Dio, venne raggiunto il livello ultimo della carriera, quello della paternità.

   Il Dio Creatore, il Dio Legislatore si rivelò come Dio Padre, il Padre… Ed è qui che prese vita, nel tempo, la stupenda avventura della Sua Incarnazione (E il Verbo si fece Carne).

   Una avventura curata nei suoi minimi particolari, con un estremo rispetto per la libertà di tutti i soggetti umani a diverso titolo chiamati in causa.

   E il mistero si espande in luminosità oscurando la lucidità del pensare, scompigliando i sentimenti del cuore ed abbagliando i medesimi sensi dell’anima.

    Mi chiedo, allora, cosa si possa imparare noi oggi, nel suo insieme,  da questa strategia educativa dell’umanità operata dal Creatore Dio Padre: forse imparare a  comportarci come Lui quando siamo alle prese con i problemi educativi? Forse imparare a chiedergli di darci una mano visto che già siamo nelle Sue mani, anziché cadere nelle sabbie mobili della delusione e dello sconforto? Forse imparare a metterci bene in testa che l’arroganza di crederci dei padreterni è l’anticamera dell’ateismo pratico? E magari ficcarci bene in testa che quand’ anche si diventasse padri, si rimane sempre figli perchè ontologicamente si nasce tali. O forse semplicemente di imparare a convincerci di avere pazienza, quando le cose non vanno come vorremmo noi, perché “i suoi tempi non sono i nostri”?

   Oppure semplicemente e, in sintesi,  di imparare a fidarci di Lui in tutto e per tutto e basta?  Fidarci di Lui a fondo perduto senza tentennamenti e sospetti? Sperare che tutto alla fine andrà comunque bene perché il futuro è al sicuro?  Amarlo (e amare i propri simili) con tutte le nostre forze,  con tutto il nostro cuore e con tutta la nostra l’anima?

   Tutto qua, sembra, e sembra anche paradossale e curioso sottolineare che quello che dobbiamo o dovremmo imparare, cioè ad avere fede, speranza e carità, avvenga per dono Suo. Come dire che se l’umanità intende raggiungere il traguardo massimo della carriera non può che avere sempre presente la linea di partenza… come fanno gli atleti del canottaggio che raggiungono il traguardo proprio perché non perdono di vista da dove sono partiti.

   Curioso e rassicurante che si debba imparare ad aver fede, speranza e carità grazie al dono che Lui ci fa, gratuitamente, di queste tre virtù. Il curioso cerchio della salvezza che si chiude.

    Cerchio che ebbe inizio con Adamo ed Eva con due semplici regole di vita, diventate poi dieci con Mosè per confluire in una sola regola con Gesù: amare.

   A questo punto non ci resta che scegliere da che parte stare, perché, come dirà Sant’Agostino: “Ogni uomo è un Adamo, ogni uomo è un Cristo”.

   Scegliere, cioè se mettersi dalla parte dei cercatori di spiegazioni o da quella di buongustai del mistero. La posta in gioco è grossa: credere o non credere, arrendersi a Dio o stare in tensione se farlo o meno.

  “Vi sono misteri nei quali bisogna avere il coraggio di gettarsi, per toccarne il fondo, come ci gettiamo nell’acqua certi che essa si aprirà sotto di noi. (…) . Non ti è mai parso che vi siano delle cose alle quali bisogna prima credere, per poterle capire?”. (Jan Dobraczynski, LE LETTERE DI NICODEMO)

   Credere è comunque  un dono da non lasciarci scappare: “Se Dio non c’è ed io non ho creduto in Lui, ho perso poco. Ma se Dio c’è e voi non avete creduto in Lui, avete perso tutto”. (Blaise Pascal, 1623 – 1662)

   In sintesi: il Creatore Dio Padre ci ha creati a sua immagine e somiglianza e ciò vuol dire che dentro di noi c’è un po’ di Lui:

  • Come Creatore ci ha donato di essere “ creativi”… e nulla più!
  • Come Dio ci ha donato il nostro “io”… ma guai a metterci davanti la lettera D!
  • Come Padre ci ha donato di essere “padri”… ma non padreterni!

   Aggiungo questa ultima considerazione riguardo all’ uso pedagogico della carriera strategico – educativa di Dio. E’ una considerazione che mi è rimbalzata a galla dagli abissi della memoria come fanno gli gnocchi in ebollizione che balzano in superficie inviando il messaggio che sono pronti all’ uso.

   La carriera strategico – pedagogica di Dio non è certamente autoreferenziale, ma soavemente e decisamente sbilanciata a totale favore dell’umanità.

   Ed attingo, a questo proposito,  a quanto scritto da Sant’ Ignazio di Antiochia: “Si educa molto con quello che si dice, ancor più con quel che si fa, ma molto di più con quel che si è”. (S. Ignazio di Antiochia, 35 – 107 d.C.)

  Quindi, il “dire”, il “fare”, “l’ essere” diventano i verbi, quindi le azioni di ogni strategia educativa. Il “dire” evoca l’insegnamento, la spiegazione, l’ammonimento, il ragionamento, la catechesi (senza ossessione o accanimento), il “fare” indica l’esempio, l’esempio coerente (senza ostentazione tediosa), “l’essere” indica la presenza più silente che loquace…

   Il tutto in sapiente successione di fasi o in contemporaneità, a seconda delle situazioni. E già che ci siamo, ecco la considerazione conclusiva riassunta con “Parola” (il dire di Dio), “Carne” (il fare di Dio) “Pane” (l’essere di Dio).

  E’ per questo che l’Eucaristia assurge a fonte e culmine (fons et culmen) di tutto. E’ nell’ Eucaristia che termina la carriera di Dio. Ed è dall’ Eucaristia che può iniziare la nostra per assimilarci a Lui.

—————————————-

http://www.gigiavanti.com

   

 

 

 

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

Che bello!

A proposito di linguaggio e di uso omogeneo del medesimo da parte della cultura “politico – ideologica” dominante (distanziamento sociale, assembramento… e  via di seguito), ricevo da Mary, una mia carissima amica veneta, una geniale proposta innovativa…

Perchè al  posto di usare una terminologia al negativo (che induce sempre paura e sospetto reciproco) non si adotta una terminologia positiva? Quale? Questa: al posto di “distanziamento sociale” si potrebbe dire, suggerisce Mary, “vicinanza prudente” . Chiedo ai giornalisti un po’ di fantasia comunicazionale creativa . Lo chiedo ai giornalisti perchè con i politici la partita è già persa da quel dì!

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

Distanziamento sociale e poi?

“Un giorno, camminando in montagna ho visto da lontano una bestia, avvicinandomi mi sono accorto che era un uomo, giungendo di fronte a lui ho visto che era mio fratello”.

 “Il maestro amava la gente comune e sospettava di tutti coloro che emergevano sugli altri ed erano ammirati per la loro santità.

Un giorno, a un discepolo che gli chiedeva consigli sulla donna da sposare, rispose: “Per un buon matrimonio cerca di non sposare una santa”. Allibito, il discepolo gli chiese: “Perché mai?”. Il maestro, sorridendo, replicò: “Perché è la via certa per fare di te stesso un martire”.

(Il consiglio vale anche per non sposare un “sant’ uomo”)

“Liberaci, o Signore, dalla sciocche devozioni dei santi dalla faccia triste”

 “Il nostro mondo, da viverci, amare, santificarci non è dato da neutre teorie o da eventi storici o da fenomeni della natura, ma è dato dalla presenza di quegli inauditi centri di vita che sono i volti, volti da guardare, da rispettare, da accarezzare…”

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

Sollievo proverbiale

                  Oggi  qualcosa da Frate Indovino:­­

 

  “Chi troppo s’inchina, mostra il sedere”.

  “Non volare più in alto del  tuo angelo custode”.

  “Per custodire la terra occorre volgere lo sguardo al cielo”.

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

QUALCHE PARADOSSO… salutare

KARL KRAUS 

                                 (ebreo di Boemia, scrittore e giornalista, 1874 -1936)

 

“La gelosia è un abbaiar di cani che attira i ladri”.

“Per l’uomo sano basta la donna, per l’uomo erotico basta la calza per giungere alla donna,  per l’uomo  malato basta la calza”.

“Per essere perfetta le mancava un solo difetto”.

“Gli affetti familiari si indossano soltanto in particolari occasioni”.

“La vita familiare è una interferenza nella vita privata”.

“Il segreto dell’agitatore è di rendersi stupido quanto i suoi ascoltatori, in modo che questi credano di essere intelligenti come lui”.

“Ci sono imbecilli superficiali e imbecilli profondi”.

“In un ménage spiritualmente ordinato si dovrebbero fare un paio di volte l’anno le grandi pulizie sulla soglia della coscienza”.

“Una certa psicanalisi è il mestiere di lascivi razionalisti che riconducono a cause sessuali tutto quello che esiste al mondo, salvo il loro mestiere”.

“Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo”.

“Se bisogna proprio credere in qualcosa che non si vede, allora preferisco comunque credere ai miracoli che ai bacilli”.

“Il debole dubita prima della decisione, il forte dopo”.

                                                                                                                                                                       

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

Fantasia…

“Tutte le famiglie felici si somigliano; ogni famiglia infelice è invece disgraziata a modo suo”. (Tolstoi)

 

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

A proposito di Dio…

“Chi rifiuta l’infinito è destinato alla disperazione di fronte al dolore e alla morte”. (S. Kierkegaard)

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

DIVERTIAMOCI CON SIGLE…

                           GIOCHIAMO CON GLI ACRONIMI… e non solo!

 Ad esempio,   DNA   potrebbe anche diventare  Destino Naturale Amore.

 Via, Verità, Vita  (mondo reale)    ———   W. W. W. (mondo virtuale)

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

SE LA CREATURA SNOBBA IL CREATORE (che è anche Dio e Padre) ECCO COSA SUCCEDE…

                           A proposito di eventi odierni…

  “Devi anche sapere che negli ultimi tempi verranno momenti difficili. Gli uomini saranno egoisti, amanti del denaro, vanitosi, orgogliosi, bestemmiatori, ribelli ai genitori, ingrati, senza religione, senza amore, sleali, maldicenti, intemperanti, intrattabili, nemici del bene, traditori, sfrontati, accecati dall’ orgoglio, attaccati ai piaceri più che a Dio, con la parvenza della pietà, mentre ne hanno rinnegata la forza interiore”.

                               (San Paolo nella seconda lettera a Timoteo, 3, 1 – 5)

 

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

L’amore non muore mai di morte naturale

C’è una curiosa indagine statistica che recita così. “Il 100% dei divorzi inizia con un matrimonio”. Ma più curioso è anche il commento che ho sentito nel corso di una tavola rotonda dove ero stato invitato: “Allora vuol dire che il matrimonio è la prima causa dei divorzi, quindi bisogna eliminare l’istituzione matrimoniale”.

Non ricordo la risposta di allora, ma ora potrei aggiungere questo ragionamento altrettanto bislacco: “Siccome il 100% di chi muore era vivo, vuol dire che la prima causa della morte è la vita, quindi bisognerebbe eliminare l’istituzione vita”.

Un corto circuito di pensiero comprensibile soltanto dagli imbecilli profondi (gli imbecilli superficiali non ce la fanno).

Così ho ripescato una mia antica e unica storiella scritta durante la frequentazione della Scuola di Consulenza Familiare di Roma anni fa.

“L’amore non muore mai di morte naturale” era il concetto da sviluppare.

Se un matrimonio fallisce non è a causa dell’amore, ma dal modo in cui si ama. Amare poco o amare male porta male… E allora l’amore muore per strangolamento, asfissia, sclerocardia, pugnalatura…

“Non è il vino che ubriaca, ma è l’uomo che si ubriaca” ammonisce un proverbio cinese immune dal coronavirus…

doc1

 

 

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie