Archivi del mese: settembre 2015

UN SORRISO… TANTO DALLA VITA NON SI ESCE VIVI!!

   Un amico consulente familiare, Giuseppe Giovinazzo, mette su FB una vignetta sulla “resilienza”… che chi ha frequentato la Scuola Consulenti di Roma (Via della Pigna) conosce bene… o meno bene, La riporto al netto della vignetta.

 

“Ciao, sono la resilienza, cioè la capacità di adattarsi positivamente al cambiamento… Ad esempio, di trasformare il limone in limonata, la sfiga in figata, la difficoltà in opportunità afferrata…”.

“E la tromba in cosa?”

—————————————————————–

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

CONSIDERAZIONI SPARSE

CONSIDERAZIONI SPARSE… (prese qua e là) CON PREMESSA…

———————————————————————————————–

 

   Talvolta si vive male, non tanto per la realtà in sé stessa, quanto per l’idea che ci si fa a riguardo di tale realtà. Occorre pertanto vigilare sul processo interiore che si percorre per arrivare a “farsi” questa o quella idea.

    Se è un percorso che ci vede più inclini al “pensare”, magari frettolosamente, piuttosto che all’”osservare” e semplicemente “registrare” quello che viene “riflesso” nello specchio della nostra coscienza… allora possono essere guai per il benessere personale e relazionale.

   Se si vive la realtà più in ragione delle idee che ci si sono fatte che non per la realtà in se stessa, possono sorgere incomprensioni, tensioni, veri e propri conflitti… E’ l’eterno balletto tra “obiettività” e “soggettività”… Utile questa considerazione di Machiavelli. “Molta osservazione e poco ragionamento conducono alla verità, poca osservazione e molto ragionamento conducono all’errore”.

————————————————————————————————-   

 

 

“La relazione con gli altri è come la cucina: in ogni pietanza ognuno trova quello che ci mette”.

 

“Parlare di sessualità è molto semplice, ma parlare di sessualità in modo semplice è molto difficile”.

 

“Il modo in cui scegliamo di vedere il mondo crea il mondo che vediamo”. (Whitaker)

 

“Se è pace che vuoi cerca di cambiare te stesso, non gli altri. E’ più facile proteggersi i piedi con delle pantofole che ricoprire di tappeti tutta la terra”. (De Mello)

 

“Se l’aver mangiato un frutto ha rovinato l’umanità, la salvezza sarà nell’atteggiamento contrario, nel guardare un frutto senza mangiarlo” (S. Weil)

 

“Cosa succederebbe se scoprissi che il mio stesso nemico si trova all’interno di me stesso, che sono io pertanto ad avere bisogno dell’elemosina della mia amabilità, che sono io  il nemico da amare?”. (C.G. Young)

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

RIFLETTIAMO ANZICHE’ PENSARE

PER RIFLETTERE SU SESSO, AMORE, RELIGIONE, FEDE

 

“Non è possibile una esperienza coniugale in una relazione che di coniugale ha soltanto il rapporto fisico”. (T. Bovet)

“Non  è  cosa molto intelligente voler provare cos’è la morte con un lungo sonno, né è cosa più saggia pretendere di sperimentare l’unione coniugale senza prima entrare nel matrimonio”. (id)

“Quando uno comincia una relazione si trova di fronte a  un dono parziale. Quando si giunge alla relazione sessuale, il dono del corpo è totale, ma se il dono non prevede un impegno personale duraturo è come se accadesse un furto, uno dona il suo corpo per riprenderselo. La relazione sessuale comporta scelte impegnative” (J. Bastaire)

“Se l’aver mangiato un frutto ha rovinato l’umanità, la salvezza sarà nell’atteggiamento contrario, nel guardare un frutto senza mangiarlo”. S. Weil)

“Là dove manca la religione con i suoi simboli e con la sua cura per l’uomo nella sua totalità, può sorgere un terribile vuoto” (H. Erikson)

“Molte nevrosi dell’uomo moderno sono riconducibili ad un non risolto problema religioso” (C.G. Jung)

“Non si può risolvere un problema con lo stesso modo di pensare che ha causato il problema”. (Einstein)

“La verità non è tollerante” (S. Freud)

“L’amore adulto e maturo è la capacità di stabilire una relazione affettiva duratura e stabile”. (S. Freud)

“Se l’amore non  ha obbligatoriamente bisogno della sessualità per esprimersi, la sessualità umana ha invece sempre bisogno dell’amore per esprimersi in tutta la sua pienezza”. (Bourgois)

“L’amore è una modalità di relazione che funziona soltanto con il per sempre”. (Brancatisano)

“L’amore è come la morte, non si può provare”.

“Il matrimonio è come la morte, pochi vi arrivano preparati” (Tolstoi)

“Molta osservazione e poco ragionamento conducono alla verità, poca osservazione e molto ragionamento conducono all’errore”. (Machiavelli)

“Per vedere la montagna devi andare in pianura, per vedere la pianura devi andare in montagna”.

“Nel Nuovo Testamento si nasconde una teologia, se così si può dire, della tenerezza che agisce sempre nel senso della guarigione con parole, con imposizione delle mani che si potrebbero anche chiamare carezze, con baci, con un pasto in comune. Quell’elemento neotestamentario, la dolcezza, non è stato ancora scoperto, è stato tutto trasformato in rimbrotti e strigliate” (E. Bloch)

“Mentre Dio perdona sempre e l’uomo perdona qualche volta, la natura non perdona mai; quando ci si oppone alla natura, la natura disapprova, ribatte, restituisce il colpo”. (Terruwe)

“La psicoterapia indipendente sia dalla religione che dalla metafisica tende a produrre una tranquillità borghese alimentata dall’ansia avvelenata della sua banalità”. (Terruwe)

www.gigiavanti.com

giovannigigiavanti@gmail.com

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

TURBAMENTI ESISTENZIALI

Leggo e trascrivo dal romanzo  L’AMORE DI MADDALENA di F.L. Poli  (Ed. Nova Millennium Romae ) alcuni passaggi utilizzabili a quei vissuti relazionali analoghi dove il mistero dell’amore, del dolore, del bene e del male finisce, talvolta, per diventare ancor più incomprensibile… pur continuando ad avere senso.

 

“Il male ha una sua forza intrinseca e prima di prostrare, infonde coraggio e ce ne vuole per viverci dentro a lungo”.

 

“Certe cose accadono e basta, vanno accettate con buona rassegnazione, non conviene indagare o resistere più di tanto, non si approderebbe a nulla. Se non si riesce ad esaudire il desiderio bisogna sperare che il tempo lo faccia svanire lentamente senza però lasciarsi lacerare l’anima”.

 

“Non era in grado di aiutarmi, ancor meno io ero in grado di aiutare lui eppure ci stavamo dicendo e donando amore”.

 

Certi movimenti del cuore rassomigliano alle onde del mare o al soffiare dei venti. Vanno e vengono, ma è difficile individuarne le cause e le fonti”.

 

“Quello che  stiamo per fare si chiama passione d’amore e mistero di perdono”.

 

“Un velo di rabbia non scompare mai dallo spirito dell’uomo e l’ombra del peccato che sempre vi accompagna in questo mondo, lassù però tutto si svela”.

 

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

AUGURI AI MIEI AMICI … PER IL MIO 72° compleanno

Oltre a contare sulle vostre orazioni… vi chiedo anche di farmi regalo della vostra penitenza per la lettura di questo…

ARRIVO A 72 ANNI PROPRIO OGGI… ringraziando Dio.   (14 settembre 2015)

 

Sto assistendo, dentro di me, ad un diverbio tra la mia anima spirituale, la cui funzionalità può prescindere da cellule, sangue ed ormoni e la mia anima psichica, la cui funzionalità è garantita soprattutto da cellule, sangue  ed  ormoni… A questo quasi  perenne diverbio  (che mi richiama i concetti di “anima” e di “animus” di agostiniana memoria) assisto per lo più silente, talvolta sgomento quando sconfina nello scontro.

“Il male dilaga, urge opporsi, combatterlo, andargli contro, non si può stare con le mani in mano”, esordisce l’animus.

 “Si può restare con le mani in mano, purché siano giunte in orazione”, ribatte l’anima.

 “Le ho sentite mille volte queste considerazioni e mi assomigliano ad un comodo alibi per un disimpegno, per un chiamarsi fuori” aggiunge l’animus.

 “Non mi pare dialetticamente corretto giudicare male un paradosso chiamandolo alibi… senza dire che tale giudizio negativo tocca anche la realtà della orazione… quasi  fosse contrapposta all’azione”, ribatte l’anima.

 “D’accordo,, ritiro quanto detto, ma continuo a cercare spiegazioni perché voglio capire come mai non si possa combattere il male ad armi pari…” insiste l’animus.

 “Tento una spiegazione… la tendenza a scagliarsi contro il male per sconfiggerlo fa andare in corto circuito il tutto. Andare contro il male a fin di bene è quantomeno curioso…Anzi, se mi lasci dire… questa è l’atavica tentazione dell’essere creato, è l’anima di ogni tentazione, quella di desiderare di più o di diverso rispetto a quello che si è”.

 “Non capisco”.

 “Cercherò di essere più chiara perché anche  perché fa da ostacolo alla comprensione il fatto che io sia un essere increato a confronto di te che sei un essere creato legato a tempo e spazio… Vado al sodo cercando di chiarire quale è stato il momento genetico del male, il momento cioè in cui è nato il primo “contro”. Satana fu proprio il primo essere increato ad andare “contro” il Creatore perché non si accontentava di quello che era, del suo ruolo, pretendeva di più,  desiderava essere Dio anche lui, invidiandone la Sua Unicità. Avvenne così che si infuriò quando dovette ingoiare, obtorto collo, il rifiuto di Dio. Un po’ come fanno i bambini quando la mamma dice loro dei no…e loro la apostrofano definendola  “cattiva”… Questa è la dinamica sotterranea dell’agire contro. Se il male è nato nel momento (si fa per dire…) in cui Satana, irritato per un rifiuto giustamente subito, si è messo in testa di andare contro il Bene…non ottenendone ovviamente alcun risultato, figuriamoci se si può andare contro il male per debellarlo”.

“Comincio a capire”.

“Che bello! Il fatto è che la ricerca di spiegazioni razionali a ciò che razionale non è, ha, come ogni realtà creata, dei limiti. Tutto ha senso, sebbene di poco si possa avere spiegazione. Nell’universo dell’increato eterno non si hanno limiti di spazio e tempo. Quello che la mente creata chiama mistero quasi rassegnandosi a non poterlo capire, l’anima increata lo vive a prescindere dal capirlo…”.

“Grazie, qualcosa ho capito”.

“Mi pare di di ricordare che qualcuno ha scritto: “Ci vuole tutta una vita per capire che non si può capire tutto”.

“E’ vero, lo ha scritto Confucio… ancor prima di Cristo”.

www.gigiavanti.com

giovannigigiavanti@gmail.com

 

 

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

A PROPOSITO DI TEMPO DA PERDERE…

“Il presente è l’unico punto di contatto tra l’eternità e il tempo” scriveva Lewis nel libro LE LETTERE DI BERLICCHE (un illuminante descrizione della psicologia del diavolo…). Quindi si potrebbe dire che Dio non ha problemi di tempo da perdere… d puntualità… Siamo noi umani a trasformare la realtà in problema… così poi ci diamo arie per riuscire a risolverliOROLOGIO

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

Gli specchi non pensano… ma riflettono (tanto per riflettere un po’)

PER RIFLETTERE SU SESSO, AMORE, RELIGIONE, FEDE

 

“Non è possibile una esperienza coniugale in una relazione che di coniugale ha soltanto il rapporto fisico”. (T. Bovet)

“Non  è  cosa molto intelligente voler provare cos’è la morte con un lungo sonno, né è cosa più saggia pretendere di sperimentare l’unione coniugale senza prima entrare nel matrimonio”. (id)

“Quando uno comincia una relazione si trova di fronte a  un dono parziale. Quando si giunge alla relazione sessuale, il dono del corpo è totale, ma se il dono non prevede un impegno personale duraturo è come se accadesse un furto, uno dona il suo corpo per riprenderselo. La relazione sessuale comporta scelte impegnative” (J. Bastaire)

“Se l’aver mangiato un frutto ha rovinato l’umanità, la salvezza sarà nell’atteggiamento contrario, nel guardare un frutto senza mangiarlo”. S. Weil)

“Là dove manca la religione con i suoi simboli e con la sua cura per l’uomo nella sua totalità, può sorgere un terribile vuoto” (H. Erikson)

“Molte nevrosi dell’uomo moderno sono riconducibili ad un non risolto problema religioso” (C.G. Jung)

“Non si può risolvere un problema con lo stesso modo di pensare che ha causato il problema”. (Einstein)

“La verità non è tollerante” (S. Freud)

“L’amore adulto e maturo è la capacità di stabilire una relazione affettiva duratura e stabile”. (S. Freud)

“Se l’amore non  ha obbligatoriamente bisogno della sessualità per esprimersi, la sessualità umana ha invece sempre bisogno dell’amore per esprimersi in tutta la sua pienezza”. (Bourgois)

“L’amore è una modalità di relazione che funziona soltanto con il per sempre”. (Brancatisano)

“L’amore è come la morte, non si può provare”.

“Il matrimonio è come la morte, pochi vi arrivano preparati” (Tolstoi)

“Molta osservazione e poco ragionamento conducono alla verità, poca osservazione e molto ragionamento conducono all’errore”. (Machiavelli)

“Per vedere la montagna devi andare in pianura, per vedere la pianura devi andare in montagna”.

“Nel Nuovo Testamento si nasconde una teologia, se così si può dire, della tenerezza che agisce sempre nel senso della guarigione con parole, con imposizione delle mani che si potrebbero anche chiamare carezze, con baci, con un pasto in comune. Quell’elemento neotestamentario, la dolcezza, non è stato ancora scoperto, è stato tutto trasformato in rimbrotti e strigliate” (E. Bloch)

“Mentre Dio perdona sempre e l’uomo perdona qualche volta, la natura non perdona mai; quando ci si oppone alla natura, la natura disapprova, ribatte, restituisce il colpo”. (Terruwe)

“La psicoterapia indipendente sia dalla religione che dalla metafisica tende a produrre una tranquillità borghese alimentata dall’ansia avvelenata della sua banalità”. (Terruwe)

www.gigiavanti.com

giovannigigiavanti@gmail.com

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie