Archivi del mese: ottobre 2012

“IO SONO PIU’ FORTE DI TE!”….. “PROPRIO SICURO?”

Un giorno il Sole e il Vento si misero a discutere chi di loro due fosse più forte, proprio come due ragazzi. Ma, a forza di “sono io”, “no, sono io”, non concludevano nulla. A un tratto videro giù, lontano, in mezzo alla campagna un viandante che solo solo, ravvolto nel suo mantello, se ne andava per i fatti suoi. Disse il Vento al Sole: “Ecco, facciamo la prova, chi riesce a togliere il mantello a quel poveraccio è  il più forte”. Accettato. Cominciò il Vento a soffiare gelido alla velocità di 100 Kilometri l’ora, tanto che quel poveraccio per non essere sbatacchiato per terra da quell’improvvisa sfuriata, si rannicchiò dentro una quercia serrandosi stretto stretto il mantello. E più il Vento soffiava,  più quello lo  teneva stretto, acciambellandosi tutto, tanto che il Vento, stanco, rinunciò. Toccava al Sole. Cominciò ad accarezzare con i suoi raggi caldi il vecchio infreddolito e, adagio adagio, a farsi sentire sempre di più. Il vecchio si crogiolava tutto a quel calorino e per goderselo… aprì il mantello… poi se lo tolse dalle spalle, e si sarebbe tolto anche la giacca, per stendersi tutto a quel ben di Dio. Così, vinse il Sole. (A. Fascianelli) 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

IL PIANETA DALLE MANI CHIUSE… (per ragazzi e ragazze in gamba…)

C’era una volta un pianeta molto bello, con praterie sempre in fiore, boschi pieni di alberi e torrenti d’acqua limpida. Era un pianeta dove   anche gli animali vivevano in mansuetudine e dove ognuno avrebbe desiderato abitare. Questo pianeta non era abitato da molte persone, ma, non si sa come, tutte avevano una strana caratterstica: ognuna, uomo o donna, anziano o bambino, ragazzo o adulto aveva le mani chiuse, a pugno. Tra le perone di questo pianeta c’era anche una vecchietta solitaria e sognatrice che ricordava storie antiche e tempi migliori e che, osservando quanto succedeva oggi, scuoteva tristemente il capo. E non le si poteva dare torto. Con le mani chiuse a pugno, infatti, non si può salutare nessuno, non si possono stringere le mani… Per questo quindi non esisteva amicizia sul pianeta, nessuno riceveva doni o faceva regali, la gente era facile a litigare, a respingersi, ad allontanarsi. “Come è triste la vita su questo pioaneta – diceva tra sè e sè la vecchietta – la gente non sorride mai, ha sempre il volto cupo”. Inoltre, tenendo le mani chiuse lungo il corpo , la gente le sentiva pesanti al punto da fare quasi male e, quando le usava, le adoperava come mazze per arraffare le cose e per allontanare gli altri… “Non cambierà mai nulla su questo pianeta” pensava la vecchietta.

Un giorno, però, un bellissimo giorno, sul pianeta dalle mani chiuse arrivò un giovane. Era simile a tanti altri giovani, ma aveva una caratteristica, aveva le mani aperte. Sì,  a differenza degli altri, questo giovane aveva le mani aperte, tendeva le mani a tutti, sorrideva a tutti, voleva fare amicizia con tutti… Quello che aveva non lo teneva per sè, ma lo donava agli altri. E poteva farlo semplicemente perchè aveva le mani aperte. La vecchietta osservava meravigliata e pensava: “Come sarebbe bello se tutti avessero le mani aperte!”

Il giovane cominciò a parlare alla gente, a suggerire loro di aprire le mani, a spiegare che era bello avere le mani aperte: ci si poteva salutare, scambiare doni, i bambini potevano giocare a palla, i ragazzi suonare la chitarra, gli innamorati accarezzarsi, i nonni prendere in braccio i nipotini…

Furono proprio i ragazzi, i giovani che, di lì a qualche giorno, iniziarono a seguire l’esempio dell’uomo dalle mani aperte. Cominciarono anch’essi ad aprire le mani e sembrò loro di rinascere. Si accorsero anche che le mani non erano più pesanti e che non facevano più male. La vecchietta era felice, ma anche trepidante per lo strano comportamento dei grandi. “Chissà perchè gli adulti non si decidono ancora ad aprire le mani” pensava tra sè e sè. Infatti gli adulti si mantenevano sospettosi a distanza e nessuno di loro aveva ancora aperto le mani. Anzi, un giorno, temendo che il giovane dalle mani aperte potesse sconvolgere l’ordine e la tranquillità del pianeta, tramarono per ucciderlo.

La sera di un piovoso giorno d’autunno lo presero e gli dissero a brutto muso: “Tu dici di apprire le nostre mani come tu hai aperto le tue. Così facendo sappiamo come si incomincia , ma non sappiamo come va a finire. Quindi tieniti per te l’invito. Anzi, dal momento che per te è così importante avere le mani aperte faremo in modo che tu non le possa richiudere più”. E così dicendo cominciarono a spintonarlo, ad insultarlo, a picchiarlo e finirono poi per inchiodarlo a braccia allargate a a mani aperte su un pezzo di legno. Dopo di che lo innalzarono per farlo vedere a tutti proprio sulla collinetta vicino al prato dove abitava la vecchietta… Infine alla folla attonita e sgomenta dissero: “Ecco, ora sarà soddisfatto. Avrà sempre le mani aperte”. E così dicendo se ne andarono via. La vecchietta piangeva sconsolata. Aveva cominciato a voler bene al giovane dalle mani aperte e diceva tra sè e sè: “Perchè lo hanno fatto? Non faceva niente di male!” Di lì a poco gli adulti del pianeta si riunirono in assemblea e proibirono ai giovani e ai ragazzi di avere le mani aperte e decretarono severe punizioni per i trasgressori. Tutto sembrava tornato come prima. La vecchietta piangeva e pensava: “Non cambierà mai nulla su questo pianeta!”.

Una sera, il sole era appena tramontato, la vecchietta vide arrivare una ragazza sotto il legno dove era appeso il giovane dalle mani aperte. La vide guardarsi attorno sospettosa e poi timidamente rivolgere lo sguardo verso il giovane, aprire le sue mani, mostrargliele, sorridere, salutare e scappare via. Da quella sera altri giovani e ragazzi  fecero la stessa cosa. Ogni sera quache giovane arrivava sotto il legno dove era appeso il giovane dalle mani aperte e se ne tornava via sorridendo con le mani aperte. La vecchietta aveva smesso di piangere, si sentiva serena ed un giorno fu vista partire per un altro pianeta…

NON SI SA COME ANDO’ A FINIRE LA STORIA SU QUESTO PIANETA. SE L’EBBERO VINTA I GRANDI DAI PUGNI CHIU E DAL VOLTO CUPO O I RAGAZZI E I GIOVANI DALLE MANI APERTE E DAL VISO SORRIDENTE.

LA RISPOSTA STA NEL PROFONDO DEL CUORE DI OGNUNO DI NOI…. 

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

A PROPOSITO DI INTELLIGENZA RAZIONALE… E DI INTELLIGENZA integrale o SPIRITUALE!!!!

Un giorno un professore universitario mise alla prova gli studenti con questa domanda: “Dio ha creato tutto ciò che esiste?”. Uno studente, diligentemente, rispose: “Sì, certo!”. “Allora Dio ha creato tutto, rintuzzò il professore”. “Certo!” affermò lo studente.  Il porfessore continuò: “Se Dio ha creato tutto, allora Dio ha creato il male, poichè il male esiste e, secondo il principio che afferma che noi siamo ciò che produciamo, allora Dio è il Male”. Gli studenti ammutolirono a questa asserzione. Il professore, piuttosto compiaciuto di se stesso, si vantò con gli sstudenti per aver provato per l’annesima volta che la fede religiosa era un mito.Un altro studente, a questo punto, alzò la mano e disse: “Posso farvi una domanda, professore?” “Naturalmente” replicò il professore. Lo studente si alzò e disse. “Professore, il freddo esiste?” “Che razza di domanda è questa? Naturalmente esiste. Hai mai avuto freddo?” Gli studenti sghignazzarono alla domanda desso studente. Il giovane studente replicò: “Infatti, signore, il freddo non esiste. Secondo le leggi della fisica ciò che noi consideriamo freddo è in realtà assenza di calore. Ogni corpo od oggetto può essere studiato solo quando possiede o trasmette energia. Lo zero assoluto (- 273 C°) è la totale assenza di calore, tutta la meteria diventa inerte ed incapace di qualunque reazione a quella temperatura, Il freddo quindi non esiste,. Noi abbianmo creato questa parola per descrivere come ci sentiamo se non abbiamo calore. Lo studente continuò: “Professore, l’oscurità esiste?” “Naturalmente!”. Lo studente replicò: “Ancora una volta, signore, è in errore, anche l’oscurità non esiste. L’oscurità è in realtà assenza di luce.  Noi possiamo studiare la luce, ma non l’oscurità. Infatti possiamo usare il prisma di Newton per  scomporre la luce bianca in tanti colori e studiare le varie lunghezze d’onda di ciascun colore. Ma non possiamo misurare l’oscurità. Un semplice raggio di luce può entrare in una stanza buia ed illuminarla. Ma come possiamo sapere quanto è buia quella stanza. Noi misuriamo la quantità di luce presente. Giusto? L’oscurità è un termine usato dall’uomo per descrivere ciò che accade quando la luce non è presente. Finalmente il giovane chiese al professore: “Signore, il male esiste?” A questo punto il professore, che si era fatto titubante, rispose: “Naturalmente, come ho già spiegato all’inizio. Noi lo vediamo ogni giorno. E’ nella crudeltà che ogni giorno si manifesta tra gli uomini. Risiede nella moltitudine di crimini e di atti violenti che avvengono ovunque nel mondo. Queste manifestazioni non sono altro che male”. A questo punto lo studente replicò: “Il male non esiste, signore, o almeno non esiste in quanto tale. Il male è semplicemente l’assenza di Dio. E’ proprio come l’oscuritò o il freddo, è una parola che l’uomo ha coniato per descrivere l’assenza di Dio. Dio non ha creato il male. Il male è il risultato di ciò che succede quando l’uomo non ha l’amore di Dio presente nel proprio cuore. E’ come il freddo che si manifesta quando non c’è calore o l’oscurità che arriva quando non c’è luce”. A quel punto il profrssore si sedette e rimase in silenzio.

IL NOME DI QUELLO STUDENTE  ERA ALBERT EINSTEIN.

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

UNA SIGNIFICATIVA ORAZIONE PER STARE IN EQUILIBRIO (Sant’Agostino)

“CONCEDIMI, SIGNORE, LA PAZIENZA, SENZA SIMULARLA PER COPRIRE LA DUREZZA, CONCEDIMI DI ESSERE PERSEVERANTE NEL BENE, SEMPLICE, MA NON INCLINE ALLA STUPIDITA’. FA’ CHE NON GIUDICHI SULLA BASE DI SEMPLICI SOSPETTI E MANTENGA UNA PACE SINCERA SENZA INDULGERE AL MALE, CHE AMI TUTTI CON  UGUALE FORZA, CHE NON ODI I PECCATORI, MA IL PECCATO, NE’ SIA NEMICO DEGLI UOMINI, MA DI COLORO CHE ODIANO GLI  UOMINI”.

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

NON DIRE PADRE NOSTRO SE… (un richiamo sconvolgente alla coerenza…)

Non dire PADRE… se ogni giorno non ti comporti da figlio.

 Non dire NOSTRO …. se vivi isolato nel tuo egoismo.

Non dire CHE SEI NEI CIELI…. se pensi soltanto alle cose della terra.

Non dire SIA SANTIFICATO IL TUO NOME…. se non lo onori.

Non dire VENGA IL TUO REGNO….se lo confondi con il successo materiale.

Non dire SIA FATTA LA TUA VOLONTA’…. se non l’accetti quando è dolorosa.

Non dire DACCI OGGI IL NOSTRO PANE QUOTIDIANO… se non ti preoccupi di chi ha fame, di chi è senza cultura e senza mezzi per vivere.

Non dire RIMETTI IL NOSTRO DEBITO….se conservi rancore verso tuo fratello.

Non dire NON LASCIARCI CADERE IN TENTAZIONE…. se hai intenzione di continuare a peccare.

Non dire LIBERACI DAL MALE…. se non prendi posizione contro il male.

Non dire AMEN…. prendi sul serio le parole del Padre Nostro.

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

SE SI PONGONO DOMANDE SBAGLIATE SI OTTENGONO RISPOSTE SBAGLIATE (storiella rabbinica)

La storia che ci racconta uno dei nostri rabbini vale più di una lunga teoria. “Due uomini cadono dentro un camino. Uno ne esce fuori con la faccia sporca di fuliggine, l’altro pulito. Chi dei due va a lavarsi?” “Quello che ha faccia sporca”,  risponde l’interlocutore. “Sbagliato, – dice allora il rabbino. – Si lava quello che ha la faccia pulita. Vedendo il suo compagno sporco davanti a lui si dice: dal momento che lui è sporco devo esserlo anch’io, dunque ho bisogno di andare a lavarmi. Mentre quello che è sporco, vedendo il suo compagno pulito, si dice: dal momento che lui è pulito devo esserlo anch’io. Dunque non ho bisogno di andare a lavarmi”. Ma poi il rabbino continua: “Due uomini cadono dentro un camino. Uno ne esce fuori con la faccia sporca di fuliggine, l’altro pulito. Chi dei due va a lavarsi”? “Quello con la faccia pulita”, risponde con entusiasmo il discepolo. “Sbagliato. Quello con la faccia sporca. Vedendo le sue mani coperte di fuliggine, si dice: sono sporco. Devo andare a lavarmi. Mentre quello con il viso pulito, vedendo che ha le mani pulite si dice: dal momento che non sono sporco, non ho bisogno di lavarmi… Ho ancora una domanda da farvi,  conclude il rabbino – Due uomini cadono dentro un camino. Uno ne esce fuori con la faccia sporca di fuliggine, l’altro pulito. Chi dei due va a lavarsi”?. “Sia quello sporco sia quello pulito”, esclama a questo punto l’interlocutore. “Sbagliato – dice ancora il rabbino .  Se due uomini cadono in un camino è impossibilr che solo uno dei due sia sporco. Devono per forza essere sporchi tutti e due! Quando un problema è mal posto, tutte le soluzioni sono false.
QUANDO DUE PERSONE CADONO DENTRO IL CAMINO DELLA VIOLENZA, CHE SI TRATTI DI EBREI O MUSULMANI, CRISTIANI, INDUISTI O BUDDHISTI, SONO ENTRAMBE SPORCHE. MA QUANDO DUE PERSONE SI IMMERGONO NELL’UMILTA’ SONO ENTRAMBE PULITE, QUALI CHE SIANO LE LORO CONVINZIONI. LA VIRULENZA DEGLI ESTREMISTI E’ UNA PROVA DELLA NOSTRA INCAPACITA’ DI DIALOGARE SERENAMENTE.

(Tratta da Shafique Keshavjee, IL RE, IL SAGGIO E IL BUFFONE (Einaudi, 1998)

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie