LA METRICA DELL’AMORE (Sandro Montanari)

Quelle timide risa

accese da baci impacciati

e quelle storie inverosimili

che raccontavo

con la serietà di un bambino

per non lasciarti fuggire

prima dei rintocchi di mezzanotte

sono qui con noi

se solo chiudo gli occhi

e stringi le mie mani

in questa cara soffitta

ove echi di parole sottovoce

e di carezze incerte e incontenibili

carpiti al fremito  del desiderio

ancora disegnano incantesimi

d’oriente sui vetri appannati

dai nostri respiri nudi.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...