Fare memoria dei ricordi

SPIRITUALITA’ DI ADOLESCENTE

Volevo scriverti una lettera, ma non sapevo dove spedirla.

Volevo telefonarti, ma non sapevo il tuo numero.

Volevo venirti a trovare, ma mi sembravi troppo lontano.

Mi sentivo solo e abbandonato… cominciai a pregare.

Facendolo, mi resi subito conto che tu eri lì, vicino a me.

Da quel momento capii che Dio è sempre presente in

qualsiasi luogo e in qualsiasi momento, basta chiamarlo

ed avere fiducia in lui. E’ forse questa stessa potenza

che non mi fa avere talvolta tanta fiducia nella chiesa

e nei sacerdoti. Questa scarsa fiducia non intacca però

neanche minimamente il mio lato spirituale.

Anzi è proprio lo spirito che mi aiuta ad andare avanti

quando mi sento fermo. Parlando con Dio si possono

affrontare discorsi che spesso risultano monologhi,

ma che con un’altra persona non si potrebbero fare.

Secondo me il grado di religiosità di una persona

non si misura solamente in base a quante volte si va in chiesa,

ma dal grado spirituale che un individuo ha e da come

si comporta con gli altri… se è egoista, se è altruista,

se è premuroso, se sa rendersi utile agli altri…

—————————————————

Questo brano (del quale conservo la copia autografa)

è di Walter Spadoni, un mio alunno diciottenne

dell’Itis Vallauri di Roma, scomparso in un incidente stradale 

nel 1988 e porta la data del 24.7.1988.

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...