La magia divina dell’amicizia

                                                  LA MAGIA DIVINA DELL’AMICIZIA

    Essendo giunto alla stadio terminale della patologia che mi affligge da tanto (deformazione professionale) leggo il vangelo di oggi così.

   Il rimbrotto che Marta rivolge a Gesù perché sua sorella Maria la lascia sola a sfaccendare in casa, ottiene da parte di Gesù un medesimo rimbrotto che va a colpire il darsi da fare “affannato” e agitato di Marta.

   Prima osservazione tecnica: la triangolazione nella comunicazione non è mai pertinente ai fini di quello che si vuole ottenere. Meglio essere diretti.

   Seconda osservazione: il parametro di riferimento dell’agire di Gesù è il Regno di Dio. Da qui la  messa in guardia contro il pericolo dello “strafare”, dell’agitazione, dell’affanno  che caratterizzano taluni comportamenti. Non si può vivere la dinamica del “dannarsi l’anima”  con l’intenzione di volerla salvare!

    E se Marta si fosse rivolta direttamente alla sorella Marta chiedendo collaborazione… cosa avrebbe detto Gesù? Sarebbe intervenuto?

   Mi piace immaginare la sua risposta… fatta di un sorriso silente e mite dal quale le due sorelle avrebbero dedotto, ognuna per quello che la riguardava, il da farsi.

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...