DOVE STA SCRITTO CHE UN DESIDERIO SI AUTOPROMUOVA A DIRITTO?

 Al fondo del vuoto chiacchericcio pseudo-culturale (ed anche ideologicamente di bassissima lega) di questi giorni  sui “diritti civili” ci sta una domanda; “MA DOVE STA SCRITTO CHE QUEL CHE DESIDERO AVERE ABBIA DIRITTO AD AVERLO?”, Dove sta scritto cioè che ho diritto ad avere gli stessi diritti degli sposati pur non essendolo? Dove sta scritto che l’omosessualità accampi dei diritti propri della eterosessualità? Dove sta scritto? Dove sta scritto che il desiderio si autoproclami diritto?

Sono domande semplici alle quali occorrerebbe rispondere in umile semplicità. Cosa difficile se l’approccio mentale è più da capra che da pecora…

Quel che manca del tutto in questo fasullo cicaleccio pseudo-giuridico è proprio l’uso dell’intelligenza al livello più alto per il quale è stata formata e cioè il livello spirituale ampio, o per dirla meglio, al livello antropologico universale.

Quel che mi irrita e spaventa è la mancanza di rispetto (ma l’arroganza ideologica rispetta solamente le proprie idee in un orgia narcisistico-erotica da far venire i nervi… ed anche  i brividi!) per le leggi della natura.  E per concludere ricordo una considerazione della psicologa olandese Terruwe recentemente ricordata anche da papa Francesco: “Mentre Dio perdona sempre e l’uomo perdona qualche volta, la natura non perdona mai. Se non la si rispetta prima o poi ribatte il colpo, si vendica”. 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi, storielle e poesie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...